19th Ave New York, NY 95822, USA

Personalità e lavoro

Personalità e lavoro

Superare situazioni di disagio e stress sul lavoro è sicuramente possibile. Ma in che misura la nostra personalità incide sulla tendenza a percepire momenti difficoltosi e pesanti di lavoro? E in che modo comprendere come siamo fatti può contribuire ad affrontarli con successo? Il nostro modo di essere è sicuramente un fattore chiave nel rapporto con gli altri, quindi vien naturale pensare all’importanza che il nostro carattere riveste in un contesto dove si è costantemente a contatto con le persone, come può essere l’ambiente in cui lavoriamo. Basti pensare a una persona con una particolare predisposizione all’ansia, essa probabilmente sarà spesso portata a percepire le situazioni come ostacoli il cui superamento genera agitazione, rischiando di rendere ancora più difficoltoso il processo di quello che non lo sia già. Ma perché le persone non reagiscono tutte allo stesso modo? Esistono una miriade di variabili che incidono sulla nostra personalità, che vanno da fattori storici soggettivi, fino a convinzioni meno radicate che agiscono sul nostro modo di percepire e interpretare a livello razionale la realtà che ci circonda.

Possiamo quindi definire la nostra personalità come un mix di fattori emotivi e cognitivi che si influenzano a vicenda e che hanno consolidato nel tempo un sistema più o meno complesso che ha contribuito a definire il nostro modo di essere. Quando entrambe le componenti, emotiva e cognitiva, hanno un buon andamento si può dire che sono in equilibrio tra loro e il funzionamento di tutte le istanze psichiche risulta essere stabile. Diversamente, se una delle due componenti è alterata potrebbe non comunicare correttamente con l’altra, prendendone il sopravvento e generando di conseguenza una disfunzione della personalità, che se dovesse protrarsi nel tempo, potrebbe anche sfociare in un disturbo che non sempre risulta essere funzionale alla vita
dell’individuo.

Nel lavoro le persone si comportano esattamente allo stesso modo, mettono in moto cioè quello che è il loro profilo personologico. Se in un preciso momento della vita lavorativa di un individuo sono presenti alterazioni del suo stato, egli potrebbe non essere in grado di interpretare correttamente gli stimoli che provengono dall’esterno, entrando in una impasse che può rendere complicato il tran tran quotidiano. Una gestione consapevole e funzionale delle proprie caratteristiche può sicuramente in questo caso prevenire l’insorgere di momenti difficoltosi, che non sempre sono tali, ma semplicemente sono una nostra costruzione. La psicologia supporta questo processo di presa di consapevolezza attraverso la valutazione della personalità e l’esame psicodiagnostico.